L’Hôtel de Ville, sede della rivoluzione parigina

Nel 1789 qui si erigeva un hôtel Renaissance costruito sotto l’impulso di Francesco I e terminato verso il 1620 per ospitare l’amministrazione municipale. Questo edificio, di dimensioni più modeste dell’attuale Hôtel de Ville, s’impone come uno dei principali focolai della Rivoluzione. Il 14 luglio 1789 il sindaco Jacques de Flesselles (chiamato preposto dei mercanti) è ucciso proprio qui, così come Launay, governatore della Bastiglia. Nei giorni che seguono, la nuova municipalità eletta si riunisce. Il 17 luglio il nuovo sindaco Jean-Sylvain Bailly riceve la visita di Luigi XVI. Il 5 ottobre è sempre da qui che partono le donne per Versailles al fine di chiedere al re di abbassare il prezzo del pane. Nel 1792 è su questa piazza che sono effettuate le prime esecuzioni con la ghigliottina, mentre viene proclamata la comune insurrezionale. Visto come il focolaio della rivoluzione radicale l’Hôtel de Ville è anche l’ultimo rifugio di Robespierre prima del suo arresto e della sua morte avvenuta il 28 luglio 1794. L’Hôtel de Ville che ha conosciuto la Rivoluzione è incendiato durante la Comune di Parigi (1871); l’edificio attuale risale alla fine del XIX secolo.

Localizzazione

Itinerario

Rue de Rivoli, fontana del sagrato dell'Hôtel de Ville

Suggerimento

Il quartiere del Hotel de Ville
Alla lanterna!

Per saperne di più…

Parigi e i colori della nazione

17 luglio 1789, Luigi XVI si mostra a una delle finestre della grande sala dell''Hôtel de Ville, la coccarda nazionale sul cappello
17 luglio 1789, Luigi XVI si mostra a una delle finestre della grande sala dell''Hôtel de Ville, la coccarda nazionale sul cappello

Il 17 luglio 1789, Luigi XVI si mostra a una delle finestre della grande sala dell’Hôtel de Ville con una coccarda blu-bianca-rossa. Il gesto è forte. L’unione dei colori simboleggia l’accordo tra il re e la nazione in rivoluzione. Il nastro bianco, utilizzato come stendardo e bandiera della monarchia, è intrecciato con i nastri rosso e blu, i colori della città di Parigi, diventati quelli della nazione intera. Ma il tricolore s’ispira anche ai colori blu-bianco-rosso delle recenti rivoluzioni americane (1775-1783) e dei Paesi Bassi (1783-1787).

#ParcoursRevolution
Seguici su Facebook